Vandali imbrattano Reggia di Caserta, Sangiuliano: “Restauro a tasca loro”. Il sindaco promette giustizia per danni causati.

Attacco vandalico alla Reggia di Caserta: Sangiuliano interviene

La notte scorsa, la facciata della Reggia di Caserta è stata imbrattata da vandali, un gesto che ha suscitato indignazione. Il Palazzo Reale, progettato da Luigi Vanvitelli, è un importante sito storico e culturale, oggi classificato come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO insieme al Parco, all’Acquedotto di Vanvitelli e al complesso di San Leucio. Il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha preso posizione annunciando che i responsabili saranno chiamati a pagare personalmente per i restauri necessari.

Sangiuliano condanna l’atto di vandalismo

Il ministro Sangiuliano ha dichiarato: “La scorsa notte un vile atto vandalico ha colpito la Reggia di Caserta, danneggiando la sua facciata con della vernice. Questo gesto inqualificabile ha danneggiato un’icona della bellezza italiana e un sito di importanza storica riconosciuto a livello internazionale dall’UNESCO. È fondamentale che le forze dell’ordine siano in grado di individuare i responsabili al più presto e che siano presi seri provvedimenti nei loro confronti. Grazie alla recente legge che ho promosso, i responsabili saranno chiamati a coprire i costi dei lavori di ripristino.”

La legge in questione prevede sanzioni per chi commette atti vandalici contro opere o monumenti nazionali, identificati come parte integrante dell’identità culturale e storica del paese. Ai vandali spetterà quindi la responsabilità di finanziare direttamente il restauro dei danni causati. “Sono previste sanzioni amministrative immediate che saranno imposte dal prefetto del luogo in cui viene commesso il reato, sulla base delle denunce dei pubblici ufficiali”, ha spiegato Sangiuliano in precedenza.

Leggi Anche