Truffatore in carcere chiede soldi a anziana in Chiaia: figlio rischia arresto

Un’anziana donna di 83 anni a Chiaia è caduta vittima di un raggiro classico, che le ha fatto consegnare denaro e gioielli dopo aver ricevuto una minaccia telefonica. Il truffatore, che si era finto un appartenente all’Arma dei Carabinieri, ha chiesto alla donna di pagare 4mila euro per evitare l’arresto imminente del figlio. Nonostante il pagamento, i carabinieri sono intervenuti per arrestare il truffatore, che è stato identificato grazie alle indagini e messo in carcere.

Le indagini sono state seguite dalla Procura di Napoli, che ha un gruppo specializzato in questo tipo di reati. I fatti risalgono al 29 gennaio, quando l’anziana è stata contattata al telefono e minacciata di arresto del figlio se non avesse pagato una somma di denaro e consegnato oggetti in oro a un presunto avvocato complice. Confusa e spaventata, la donna ha acconsentito al pagamento.

I carabinieri sono riusciti a identificare l’uomo coinvolto nel raggiro, che non era un avvocato ma un truffatore specializzato in inganni agli anziani. Era già stato condannato per reati simili in passato. Il gip ha emesso la custodia cautelare in carcere, eseguita il 12 marzo dai carabinieri della stazione di Chiaia. Il figlio dell’anziana non era coinvolto nella vicenda e non correva alcun rischio di arresto.

Fonte

Leggi Anche