Sciopero 8 marzo 2024 a Napoli: scuola, sanità e trasporti sotto minaccia, quali rischi per i settori?

Il 8 marzo 2024 a Napoli si terrà uno sciopero generale che coinvolgerà tutti i settori pubblici e privati. La protesta ha l’obiettivo di combattere la disparità di genere, la discriminazione salariale e tutte le guerre. Sono molti i sindacati che hanno aderito allo sciopero, tra cui Flc CGIL, Slai Cobas, Adl Cobas, Cobas Usb, Cobas Sub, Osp Faisa Cisal, Usi Cit, Clap, Si Cobas, Cub Trasporti, Uitrasporti, Usi 1912 e Uiltec Uil.

Anm e Eav, le aziende responsabili dei mezzi di trasporto pubblici a Napoli, non parteciperanno allo sciopero, garantendo così la regolare circolazione di bus, metro e tram. Tuttavia, Trenitalia, responsabile anche della Linea 2 della metropolitana di Napoli, sarà coinvolta nello sciopero, ma le corse di garanzia saranno garantite anche oltre l’orario di sciopero previsto.

Alessandro Gassmann girerà “Questi fantasmi” di Eduardo a Napoli con una visita al Rione Sanità. Le scuole e il settore sanitario saranno a rischio durante lo sciopero, con possibili ritardi o disservizi nelle prestazioni sanitarie. Saranno comunque garantiti i servizi essenziali come il Pronto Soccorso e l’assistenza ai degenti, con priorità alle emergenze e ai pazienti più gravi.

Fonte

Leggi Anche