Riciclaggio e arresti nella pizzeria Dal Presidente: Di Caprio in prigione, la moglie ai domiciliari

Detenzione confermata per il direttore della pizzeria di Napoli accusato di riciclaggio

Il direttore della pizzeria “Dal Presidente” di via dei Tribunali a Napoli, Massimiliano Di Caprio, è stato confermato in detenzione con l’accusa di riciclaggio dei soldi del clan Contini. La decisione è stata presa dal Riesame il 30 maggio, respingendo l’istanza di scarcerazione presentata dai legali. Altri indagati coinvolti nell’inchiesta sono la ex moglie di Di Caprio, Deborah Capasso, che ha ottenuto gli arresti domiciliari, e il poliziotto Guido Albano, il cui regime di detenzione è stato confermato. Gli avvocati stanno valutando l’opportunità di presentare un ricorso, in attesa delle motivazioni che saranno depositate entro 45 giorni.

Sequestro della pizzeria “Dal Presidente”

Le indagini condotte dalla Guardia di Finanza sul riciclaggio del clan Contini hanno portato agli arresti il 14 maggio. La pizzeria è stata sequestrata e attualmente è gestita sotto controllo per mantenere i livelli occupazionali. Secondo quanto emerso, il clan Contini avrebbe cercato di reinvestire il denaro illecito in varie attività commerciali, tra cui la pizzeria di via dei Tribunali. Massimiliano Di Caprio risulta essere il titolare effettivo del locale, formalmente intestato alla ex moglie, mentre il cognato Vincenzo Capozzoli è indicato come socio occulto ed è stato raggiunto da misure cautelari.

Leggi Anche

Polemiche ad Agropoli: coppia accusata di maltrattamenti alla figlia minorenne

Divieto di avvicinamento per maltrattamenti nei confronti di una...

Sedie sdraio al mare in piazza del Gesù: multate dalla Polizia locale

Sedie sdraio davanti alla Chiesa di Santa Chiara Le sedie...