Manifestazione a Napoli contro il genocidio in Palestina

Il Centro Culturale Handala Ali e gli attivisti di Rete Napoli per la Palestina hanno organizzato un corteo a Napoli per chiedere il “cessate il fuoco” in Medioriente. Durante il corteo, i manifestanti hanno provato a bloccare la strada sotto la Prefettura con uno striscione ma sono stati fermati dalla polizia.

In centinaia si sono radunati in piazza del Gesù, e il corteo è partito per chiedere il “cessate il fuoco” e lo stop al genocidio dei palestinesi. Una volta arrivati sotto la Prefettura, i manifestanti hanno cercato di mettersi in mezzo alla strada con striscioni e bandiere, ma non c’è stato alcuno scontro con le forze dell’ordine nonostante alcuni momenti di tensione.

La situazione in Palestina è descritta come “gravissima” dagli attivisti, che denunciano il mancato accesso a cure mediche, elettricità e acqua per i palestinesi a causa delle operazioni di Israele. Contestano anche la complicità del governo italiano e dei governi europei, in particolare l’egida statunitense e la base siciliana di Sigonella utilizzata dal Pentagono.

Il corteo aveva lo scopo di chiedere il cessate il fuoco immediato, lo stop al genocidio e la fine dell’assedio imposto a Gaza. Gli attivisti chiedono anche di boicottare il progetto criminale sionista e interrompere le relazioni diplomatiche, politiche, economiche e militari con Israele e le sue aziende e multinazionali.

Fonte

Leggi Anche

Anche il mondo della musica celebra Napoli campione d’Italia

Il polistrumentista Stefano Passeggio in arte SteP ha realizzato un video che racchiude...

Kind of Bill Trio, omaggio a Bill Evans

Dado Moroni pianoforte | Eddie Gomez c/bassoJoe La Barbera...