Madonna delle Galline: tradizione e devozione nella festa di Pagani post Pasqua, Vangelo e antichi riti nel riconoscimento divino.

La festa della Madonna delle Galline a Pagani, in provincia di Salerno

La festa della Madonna delle Galline a Pagani, in provincia di Salerno, è un evento che si svolge ogni anno dal venerdì dopo Pasqua fino al lunedì successivo. Questa tradizione secolare attira migliaia di persone provenienti da tutta la regione campana e da altre località italiane. Nel 2024 le celebrazioni si terranno dal 5 all’8 aprile.

La storia della Madonna delle Galline e l’origine del nome

La festa della Madonna delle Galline affonda le sue radici nel Cinquecento, ma si svolge effettivamente dal Settecento. Il nome singolare deriva da un episodio legato a delle galline che contribuirono alla scoperta di un’effige della Madonna, associata a otto miracoli. Oggi, durante la festa, la statua della Madonna viene portata in processione e vengono offerti galline e piatti tradizionali pasquali. La tammurriata accompagna le celebrazioni.

L’evoluzione del culto e della festa nel corso dei secoli

Nel Cinquecento, la tavola lignea raffigurante la Madonna del Carmine, è stata ritrovata grazie all’intervento di alcune galline in un pollaio a Pagani. Nel 1609 il culto della Madonna delle Galline inizia a diffondersi dopo una serie di miracoli attribuiti alla Madonna. Nel 1615 fu eretto il Santuario della Madonna delle Galline a Pagani, che divenne il centro delle celebrazioni. Nel 1786 il vescovo della Diocesi di Nocera incoronò la Madonna e nel 1787 avvenne la prima incoronazione.

Le celebrazioni durante la festa della Madonna delle Galline

Dal 1787, la festa inizia con l’apertura delle porte del Santuario e la preparazione della statua. La domenica successiva, la statua viene portata in processione per le strade di Pagani, con i fedeli che offrono galline, pietanze pasquali come il tortano e la pastiera. La tammurriata accompagna le celebrazioni, con i musicisti che suonano fino all’alba del lunedì, quando depongono gli strumenti ai piedi della statua della Madonna.

Leggi Anche