Le discrepanze nelle multe stradali: quanto incassano le grandi città rispetto a Napoli

Le entrate derivanti dalle sanzioni al Codice della Strada raggiungono i 580 milioni di euro nel 2023

Secondo uno studio diffuso dal Codacons, i grandi comuni italiani nel 2023 hanno incassato oltre 580 milioni di euro dalle sanzioni al Codice della Strada.

Napoli registra il minor importo procapite delle multe incassate

Secondo lo studio del Codacons, tra le grandi città italiane Napoli ha registrato il minor valore procapite delle multe incassate, pari a soli 8,2 euro a residente, rispetto alla media nazionale di 55 euro. Questo dato emerge dalla rendicontazione pubblicata online dal Ministero dell’Interno e basata sui dati forniti dagli enti locali entro il 31 maggio di ogni anno relativi alle somme effettivamente incassate tramite le sanzioni per violazioni al Codice della Strada.

Lo studio, condotto dal Codacons, evidenzia che nel 2023 i proventi incassati dai principali Comuni sono aumentati del 6.9% rispetto all’anno precedente, raggiungendo la cifra complessiva di 584,7 milioni di euro nelle 20 grandi città italiane. Roma ha registrato le maggiori entrate (oltre 172 milioni di euro nel 2023, +29.7% rispetto al 2022), seguita da Milano (147 milioni di euro, -3% rispetto al 2022); Firenze e Bologna hanno incassato rispettivamente 45 e 43 milioni di euro.

Variazioni degli incassi e trend nelle principali città italiane

Nonostante un aumento generale degli incassi su base annua (37.7 milioni di euro, +6.9% rispetto all’anno precedente), Napoli è una delle 9 grandi città che hanno registrato un calo negativo del -15.5%. Altri comuni, come Palermo (-10%) e Trieste (-33%), hanno visto anch’essi una diminuzione. Al contrario, alcuni comuni hanno registrato incrementi significativi come Potenza (da 3.7 milioni del 2022 ai 7.9 milioni del 2023, +110%, compresi 4.8 milioni di euro provenienti dalle multe elevate con autovelox), Catanzaro (+41,8%), Venezia (+39,5%), e Pescara (+32,8%).

Leggi Anche