Illuminazione intelligente sulla Tangenziale di Napoli: luci a colori per la sicurezza stradale

Le nuove luci basse sulla Tangenziale di Napoli

Le nuove luci basse sulla Tangenziale di Napoli rappresentano un importante passo avanti nella tecnologia dell’illuminazione stradale. Questi faretti sono in grado di fendere la nebbia e cambiare colore per segnalare agli automobilisti anomalie, incidenti sul percorso o le condizioni del traffico. I sensori avvisano la centrale operativa anche di eventuali urti di barriere, veicoli fermi e veicoli contromano. Si tratta di una nuova tecnologia sperimentata per la prima volta da Autostrade per l’Italia, con l’obiettivo di rendere più efficiente l’illuminazione stradale, incrementare la sicurezza e migliorare il comfort degli automobilisti.

L’illuminazione radente e i suoi vantaggi

L’illuminazione radente migliora la visibilità di notte e con la nebbia, dirigendo la luce verso il manto autostradale e agendo come una “guida ottica” a bordo strada che ne aumenta la visibilità. Questi sistemi, noti come “luce radente”, integrano gli impianti di illuminazione tradizionale a pali, con il LED che garantisce un’efficienza energetica superiore.

Il sistema più avanzato, attualmente attivo sulla rete del gruppo, è stato testato su alcuni tratti della Tangenziale di Napoli, sviluppato da Movyon e approvato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Si tratta di un sistema multifunzionale che fornisce un effetto visivo high-tech, illuminando in modo uniforme la carreggiata, garantendo una migliore visibilità in presenza di nebbia, comunicando anomalie di traffico agli utenti e rilevando tempestivamente incidenti sulla strada.

Incidente in Tangenziale a Napoli: auto si ribalta nel tunnel di Capodimonte

I nuovi faretti sul viadotto di Capodichino

Sono stati installati 1.800 faretti a LED lungo tutto il viadotto di Capodichino (1.369 metri), ottenendo un risparmio energetico di circa il 33% per chilometro. L’impianto è gestito da una centrale che riceve segnalazioni sullo stato della viabilità, con particolare attenzione agli urti di barriere, ai veicoli fermi e ai veicoli contromano.

I LED fungono anche da segnalatori, cambiando colore per indicare anomalie sul percorso: un tratto con anomalie da attraversare con cautela verrà evidenziato da una luce ambra lampeggiante o fissa, mentre la direzione errata sarà segnalata da una luce rossa. Grazie ai risultati positivi della sperimentazione, Aspi ha avviato la progettazione dell’impianto radente sulle opere d’arte e la delocalizzazione dei pali di illuminazione sulla restante parte della tratta gestita da Tangenziale Napoli.

Il Programma Mercury di Autostrade per l’Italia

Autostrade per l’Italia sta attuando un piano di trasformazione tecnologica nell’ambito del Programma Mercury, focalizzato sull’ammodernamento degli impianti di illuminazione esterna. Il progetto del relamping svincoli a LED prevede l’installazione di oltre 1.400 apparecchi di illuminazione a LED entro la fine di giugno, per servire le rampe di svincolo e le aree di servizio. Questo intervento porterà a una riduzione dei consumi energetici di circa 160 MWh all’anno e a un taglio di circa 40 tonnellate di CO2 su base annua.

Leggi Anche

Elezione Europee 2024: scrutatrice napoletana denunciata per abbandono del seggio per paga troppo bassa

Elezioni amministrative 2024: denunciata scrutatrice 24enne per abbandono del...

Il ritorno dell’ex sindaco alle urne: Elezioni Avellino 2024

Affluenza alle elezioni comunali ad Avellino 2024 Secondo i dati...

Record di affluenza alle elezioni comunali in Campania: il 36,74% alle 12 del 9 giugno 2024

Affluenza alle elezioni amministrative in Campania Il Ministero dell'Interno ha...