Il vescovo di Napoli denuncia gli stipendi delle donne

L’omelia di monsignor Mimmo Battaglia per la Festa dell’Immacolata ha posto al centro delle sue riflessioni il tema delle donne, dai femminicidi al “gender gap”. Tradizionalmente, l’8 dicembre il vescovo di Napoli tiene un discorso che riguarda la città e il mondo in cui viviamo, e don Mimmo Battaglia ha sempre offerto parole meravigliose, gioiose o sofferte sulla città, sulle sue eccellenze e sulle sue tragedie.

In questa occasione, monsignor Battaglia ha parlato delle donne, dei femminicidi e della differenza retributiva che esiste tra uomini e donne in Italia. Ha affidato a Maria le donne che hanno perso la speranza a causa della violenza e del sopruso, esortando a un cambio di mentalità concreto e reale. Ha invitato a credere che c’è ancora possibilità di vita e di nuovi inizi, poiché l’amore del Figlio di Maria fa nuove tutte le cose.

Il discorso di monsignor Battaglia ha assunto una dimensione politica, evidenziando la differenza retributiva che condanna le donne di Napoli a guadagnare meno semplicemente perché sono donne. Ha sottolineato come le donne napoletane trovino difficoltà a trovare spazio nel mondo del lavoro e siano costrette ad accettare stipendi ingiusti, evidenziando anche la presenza diffusa del lavoro nero e il fenomeno della maternità penalizzante sul lavoro.

Fonte

Leggi Anche

Anche il mondo della musica celebra Napoli campione d’Italia

Il polistrumentista Stefano Passeggio in arte SteP ha realizzato un video che racchiude...

Kind of Bill Trio, omaggio a Bill Evans

Dado Moroni pianoforte | Eddie Gomez c/bassoJoe La Barbera...