Conflitto tra vicini a Portici: la lite per la perdita d’acqua e la minaccia della katana

Minacce con una katana: arrestato un 58enne a Portici

Un uomo di 58 anni è stato arrestato a Portici, nel Napoletano, dopo aver minacciato i suoi vicini di casa con una katana a causa di un litigio legato a un problema di infiltrazione d’acqua. L’arma è stata sequestrata.

Immagine di repertorio

Il litigio per l’infiltrazione d’acqua

La vicenda si è verificata in una palazzina di Portici, dove il 58enne, un uomo sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno, ha litigato con i vicini del piano di sopra per un problema di infiltrazioni d’acqua. Dopo aver cercato invano un accordo, l’uomo è tornato nel suo appartamento per prendere la katana con cui ha minacciato i vicini.

Questo tipo di litigi sono abbastanza comuni nelle situazioni di condominio, ma raramente arrivano a situazioni così estreme. Nel caso in questione, i vicini spaventati hanno chiamato immediatamente il 112 per chiedere l’intervento dei carabinieri.

Le forze dell’ordine sono arrivate prontamente e sono riuscite a bloccare l’uomo prima che la situazione potesse degenerare ulteriormente. L’uomo è stato arrestato per minacce e detenzione illegale di arma, mentre la katana è stata sequestrata.

Leggi Anche

Elezione Europee 2024: scrutatrice napoletana denunciata per abbandono del seggio per paga troppo bassa

Elezioni amministrative 2024: denunciata scrutatrice 24enne per abbandono del...

Il ritorno dell’ex sindaco alle urne: Elezioni Avellino 2024

Affluenza alle elezioni comunali ad Avellino 2024 Secondo i dati...