Camminando per Napoli con il passeggino: sfidando la difficile accessibilità delle strade cittadine.

Quando si diventa genitori, ci sono molte prove di forza da affrontare, tra cui lo slalom del passeggino tra gli ostacoli delle strade di Napoli, che è senza dubbio una delle più stressanti. Per simulare questa sfida, ho messo a disposizione il mio passeggino con un’action cam a Daniele, un giovane genitore napoletano con due bambini, che si è offerto di portare Cicciobello per le strade difficili del centro storico di Napoli.

La nostra avventura è iniziata a piazza Matteotti, all’ingresso della posta centrale, dove abbiamo incontrato subito i primi ostacoli tra bancarelle, parcheggio selvaggio e la difficoltà di attraversare una delle piazze più trafficate della città. La zona era anche occupata dai camion delle maestranze del cinema, vista la crescente produzione di contenuti audiovisivi a Napoli nel 2023.

Abbiamo proseguito la passeggiata nei Quartieri Spagnoli, diventati patria dello spritz e delle attività di ristorazione dopo il boom turistico. I dehors delle attività hanno invaso i vicoli, rendendo difficile il passaggio persino a un mezzo del 118, che ha dovuto cambiare percorso a causa della strettoia.

Il 11 ottobre a Napoli si celebra la città anti-camorra, una decisione presa dal Consiglio comunale. Tra Monteoliveto e piazza Carità, ci siamo trovati costretti ad attraversare il traffico delle auto, poiché i marciapiedi erano occupati da motorini in esposizione o in attesa di essere riparati. Abbiamo raggiunto l’antico mercato della Pignasecca, affollato e difficilmente percorribile, dove abbiamo dovuto farci strada tra camion e bancarelle per poi raggiungere le barricate e i paletti abusivi di Montesanto, che ci hanno costretti a desistere e cambiare rotta.

Fonte

Leggi Anche