Barra: negozio riapre dopo rapine, ma senza partecipazione degli altri commercianti. Lo Stato interviene.

Gianni Forte, titolare del centro scommesse di Barra, periferia orientale di Napoli, aveva deciso di chiudere il suo locale a causa di una serie di rapine. Tuttavia, dopo la promessa di un intervento immediato da parte dello Stato, ha deciso di riaprire. La presenza delle istituzioni durante la riapertura testimonia il sostegno concreto agli imprenditori e il primo importante passo verso il recupero di un territorio abbandonato da anni.

Durante la riapertura, avvenuta il 1 marzo, erano presenti diverse personalità tra cui il Prefetto di Napoli, Michele Di Bari, il procuratore aggiunto di Napoli Antonio Ricci, la vicepresidente del Consiglio comunale di Napoli Flavia Sorrentino e altre figure istituzionali. Tuttavia, i commercianti del territorio non erano presenti e Gianni Forte ha rivolto loro un pensiero, sottolineando la necessità di dare fiducia a queste persone attraverso interventi concreti e massicci per presidiare il territorio e realizzare un piano di sviluppo sociale ed economico.

Forte ha esortato alla necessità di un decreto Barra, simile a quello adottato per Caivano, per dare supporto alle forze dell’ordine con uomini e mezzi, presidiare il territorio e promuovere lo sviluppo sociale ed economico. È fondamentale, secondo lui, adottare misure concrete per riqualificare un territorio che è stato abbandonato a se stesso.

Fonte

Leggi Anche