Amianto nel Parco della Marinella: un pericolo sottovalutato?

Amianto trovato nel Parco della Marinella a Napoli

Durante i lavori nel Parco della Marinella a Napoli sono stati scoperti frammenti di amianto. Tuttavia, il Comune ha precisato che si tratta di quantità “inferiori a un millesimo dei campioni analizzati”.

I piccoli frammenti di amianto scoperti durante i lavori al Parco della Marinella a Napoli sono stati definiti “piccolissimi” dal Comune. Si tratta di quantità insignificanti, che non presentano alcun rischio per la salute pubblica e i cittadini. Non si sono riscontrate fibre aerodisperse, e i frammenti verranno comunque rimossi in via precauzionale.

Smaltimento corretto del materiale contenente amianto

I frammenti di amianto sono stati individuati solo in alcuni punti delle 550 tonnellate di terreno coinvolte. Il Comune sottolinea che il materiale non viene classificato come “amianto”, ma come “terreno contenente amianto”. Per garantire la sicurezza, l’intero cumulo di terreno verrà smaltito in appositi siti di smaltimento. Non si tratta quindi di 500 tonnellate di amianto, ma di materiale contenente amianto in quantità limitata e compatta.

Questo ritrovamento fa parte di un più ampio progetto di riqualificazione che coinvolge anche l’ex Mercato Ittico di via Duca degli Abruzzi. Il Parco della Marinella sarà aperto nel 2025, una volta completati i lavori in corso. L’obiettivo è recuperare un’area degradata da anni e destinarla a un uso sociale e culturale.

Leggi Anche